Mutons

Cëla ma tlo! Vie ma ca!
No cramé su. Oh, ma cie n min.
Ocio che te tomes, No no nsci
Aud ma! Cëla ma! No, no sauté.
Shhh. Bala a chiet!
N sëuralauter de ujes,
cunsëis minei bon che mët sot sëura y nciurnea.

Ocio tlo ocio ilò
Stlu l vier, ei n ciaut da murì! No te tré ora.
Ma pensé pënsi pa ie per te
Merë nia ulëi, mei pudëi
La usc dedite che disc
Ma la drëta ie chëla di granc!

Sce te dijes ti minonga,
scuté su truepa asurditeies.
Essa ciaut? I granc l sa.
Essa frëit? Damanda i granc.
Essa fam? I granc te dijerà.
Uessa sauté? Damanda i granc.
No svaié! I granc y si pesc.

N dì sarés grand ënghe tu
Tan de cosses che te saverés!
Perduda la legrëza, la spuntanità de ti vester
Tla costrizions sozieles, la moral dl vester
Paradosc de uni sort
Nia plu te nstés,
ma savëi saverés!

Bagno Vignoni


img_5852Sgorga l’acqua calda.
Ti parla. Ti racconta.
È passata di qua la vita,
continua a passare di qua
e si rivela
nella nebbia ovattata della mattina
nel silenzio avvolgente
in quel giallo ocra delle foglie,
che fieri eppure umili
portano gli alberi al sorgere del sole.
E i cipressi, parlano al cielo.
L’acqua scorre, calda.
È passata di qua la vita,
si ferma il tempo.
Continua a passare.

Chi?

E d’un tratto è il vuoto,
bianco, non nero.
Vuoto.
E la testa sbatte sbatte sbatte.
Rimane sempre quella.
Come può cambiare?
Rimango ferma.
Sono pietra ⎮ dura.
I cristalli dentro,
nascosti belli luccicano!
Nessuno li vede.

E cado cado!
È bianco.
Maledettamente bianco.
E non mi muovo.
Muoviti! Evolviti! Cambia maledizione, cambia!
Il nulla.

Rimango,
e sono sempre io.
Sempre quella.
Sempre io.
Avevo detto cambia maledizione cambia!
Evolviti!
Muoviti! Cambia! Lo dicono tutti, cambia!
Ascolta, fai quello che ti dicono, maledizione ascoltali!
MA CHI?

Rimango. Sempre io.
Sempre quella. Sempre io.
Sbagliata fuori
i cristalli dento.
Luccicanti, belli!⎮INVISIBILI.